Ultima modifica: 1 ottobre 2019

Patto educativo di corresponsabilità

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’

 SCUOLA –FAMIGLIA

PREMESSA
La Scuola è una risorsa fondamentale in quanto assume il ruolo di luogo di crescita civile e culturale per una piena valorizzazione della persona, rafforzando l’esistenza di una comunità educante in cui ragazzi e adulti, docenti e genitori, vengano coinvolti in un’alleanza educativa che contribuisca ad individuare non solo contenuti e competenze da acquisire, ma anche obiettivi e valori da trasmettere per costruire insieme identità, appartenenza e responsabilità.
Per il raggiungimento di tali finalità ”l’I.C. Monteleone Pascoli” dì Taurianova, nell’esercizio della propria autonomia, crea momenti di confronto con le famiglie in cui ascoltarsi, costruire accordi, assumere impegni e responsabilità, condivi dividere un percorso di crescita umana e civile della persona.
Occorre che Scuola e Famiglia, ciascuna nel rispetto del proprio ruolo, siano sempre collaborative, mai antagoniste, per “costruire” un’importante alleanza formativa.
Insegnanti e Genitori stabiliscono, condividono “un’idea di Scuola” e si adoperano per raggiungere un innalzamento del successo formativo degli studenti, tenendo presente, per quanto possibile, le necessità e le aspettative di tutte le Componenti.
Il Patto Educativo vuole rendere esplicite alle sopraindicate Componenti quelle norme che, se accettate e condivise, facilitano il buon andamento dell’Istituto, nel rispetto dei diritti e delle libertà di ciascuno.

 

La Scuola offre agli Studenti e alle Famiglie:
1. accoglienza, andando incontro a tutti gli studenti, prestando attenzione a quelli con maggiori difficoltà e con particolari esigenze formative e promuovendo autostima e rispetto reciproco;
2. dialogo aperto e rapporto di fiducia, per cui si impegna a consultare studenti e famiglie a condividere l’analisi dei problemi e delle soluzioni;
3. condivisione e corresponsabilità dei valori nel rapporto educativo, per cui la scuola si impegna ad incontri regolari con le famiglie, ad una attività di formazione e aggiornamento continuo dei docenti e all’offerta di occasioni di formazione anche per gli adulti.
La comunità scolastica vuol essere solidale nel perseguimento di alcuni fondamentali obiettivi:

  • il rispetto della persona nella sua integrità;
  • il rispetto delle cose come beni di fruizione comune:
  • l’utilizzazione del gruppo come contesto in cui sviluppare la socialità e la corresponsabilità;
  • l’educazione alla pace e alla tolleranza.

 

Inoltre la Scuola

  • si impegna nell’individuazione dei bisogni formativi, nello sforzo dì renderli espliciti e, nel limite del possibile, di soddisfarli;
  • si impegna a individuare strategie didattiche diversificate e ad aiutare lo studente, affinché diventi consapevole della dinamica dei suoi processi cognitivi e responsabile di sé;
  • si propone di interagire con le richieste formative della società e di operare in collegamento con il territorio;
  • intende stimolare l’attitudine alla ricerca e all’innovazione supportandola con le più idonee procedure di indagine;
  • vuol garantire l’accesso alle nuove tecnologie, condizione di un effettivo esercizio della cittadinanza nel contesto europeo;
  • intende promuovere il confronto interculturale e la consapevolezza critica dei valori a fondamento delle società democratiche.

 

Visto il D.M. n. 5843/A3 del 16 ottobre 2006 “Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e
legalità”;
Visto il D.M. n. 16 del 5 febbraio 2007 “linee di indirizzo generati ed azioni a livello nazionale per la prevenzione del bullismo”;
Visto il D.M. n. 30 del 15 marzo 2007 “Linee di indirizzo ed indicazioni in materia di utilizzo di telefoni cellulari e di altri dispositivi elettronici durante l’attività didattica, irrogazione di sanzioni disciplinari, dovere di vigilanza e di corresponsabilità dei genitori e dei docenti”;
Visti i D.P.R. n. 249 del 24 giugno 1998 e n. 235 del 21 novembre 2007 “Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria”;
Visto il Piano Triennale dell’Offerta Formativa dell’I.C.” Monteleone Pascoli” attualmente in vigore
Visto il Regolamento di Istituto per l’anno scolastico 2018 -2019

 

SI STIPULA CON LA FAMIGLIA DELLO STUDENTE IL SEGUENTE PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ:

 

DOCENTI

 

La funzione docente realizza il processo di insegnamento/apprendimento volto a promuovere lo sviluppo umano, culturale e civile degli studenti, sulla base delle finalità e degli obiettivi previsti dagli ordinamenti scolastici.

 

I docenti, hanno il diritto:

  • alla libertà di scelta sul piano metodologico e didattico nell’ambito delle coordinate indicate dal C.C.N.L e dal Piano dell’Offerta Formativa. L’esercizio di tale libertà è volto a promuovere, attraverso un confronto aperto di posizioni culturali, la piena formazione della personalità degli studenti;
  • al rispetto della propria persona e della propria professionalità da parte di tutte le componenti della comunità scolastica;
  • a veder difesa e tutelata la propria dignità professionale;
  • ad una Scuola che funzioni, affinché possano esplicare pienamente il ruolo di insegnanti e di educatori;
  • ad usufruire dei servizi e dei supporti previsti per svolgere adeguatamente il proprio lavoro;
  • ad accrescere e migliorare la propria preparazione culturale e professionale attraverso attività di aggiornamento e di confronto con esperti e col leghi (diritto-dovere).

 

I docenti hanno il dovere di:

  • mantenere il segreto professionale nei casi e nei modi previsti dalla normativa;
  • svolgere le lezioni con professionalità e puntualità;
  • vigilare sui comportamenti e sulla sicurezza degli studenti in tutte le attività e gli ambienti scolastici;
  • rispettare gli studenti e tutte le componenti della comunità scolastica;
  • creare un clima di reciproca fiducia, stima e collaborazione con gli studenti e tra gli studenti e con le famiglie;
  • saper ascoltare, favorendo la comunicazione e tutelando al tempo stesso la riservatezza;
  • progettare le attività rispettando tempi e modalità di apprendimento degli studenti;
  • far conoscere alle famiglie in modo semplice e dettagliato il proprio percorso di lavoro e fornire indicazioni su come sostenere il percorso scolastico dei figli;
  • elaborare e verificare le programmazioni didattiche ed educative, armonizzarle con la realtà della classe e concordarle col proprio gruppo di lavoro;
  • favorire l’integrazione e lo sviluppo delle potenzialità di tutti gli studenti;
  • non utilizzare i telefoni cellulari e non fumare durante le attività scolastiche, offrendo agli studenti un modello di riferimento esemplare;
  • essere sensibili alle iniziative scolastiche che possano incrementare la collaborazione tra scuola e famiglia.

GENITORI

 I genitori sono i responsabili più diretti dell’educazione e dell’istruzione dei propri figli e pertanto hanno il dovere di condividere con la scuola tale importante compito.

 I genitori hanno il diritto di:

  • essere rispettati come persone e come educatori dei rispettivi figli;
  • vedere tutelata la salute dei propri figli, nell’ambito della comunità scolastica, nel rispetto della riservatezza;
  • essere informati sul “Piano Triennale dell’Offerta Formativa”, sul Regolamento e su tutto quanto concerne la funzionalità della scuola;
  • essere informati sulle attività auricolari e non, programmate per la classe di appartenenza del figlio;
  • avere colloqui, regolarmente programmati, per essere informati sull’andamento socio-relazionale e didattico del figlio;
  • essere informati tempestivamente di comportamenti scorretti, di cali di rendimento o altri atteggiamenti che possono risultare poco consoni rispetto al normale comportamento del figlio;

 I genitori hanno il dovere di:

  • trasmettere ai figli la convinzione che la Scuola è di fondamentale importanza per costruire il loro futuro e la loro formazione culturale;
  • stabilire rapporti regolari e corretti con gli insegnanti, collaborando a costruire un clima di reciproca fiducia e di fattivo sostegno;
  • controllare ogni giorno il quaderno delle comunicazioni o il diario per leggere e firmare tempestivamente gli avvisi;
  • permettere assenze solo per motivi validi e ridurre il più possibile le uscite e le entrate fuori orario;
  • rispettare le modalità di giustificazione delle assenze, dei ritardi e delle uscite anticipate;
  • controllare l’esecuzione dei compiti di casa (che rispondono all’esigenza di riflessione personale e di acquisizione di un’abitudine allo studio e all’esercitazione individuale), senza sostituirsi ai figli, ma incoraggiandoli e responsabilizzandoli ad organizzare tempo e impegni extrascolastici;
  • partecipare con regolarità ed attivamente alle riunioni previste con gli insegnanti (colloqui o assemblee) e alle iniziative di formazione e informazione, anche con l’intervento di esperti, che la Scuola propone;
  • favorire la partecipazione dei figli a tutte le attività programmate dalla Scuola
  • rispettare e fa rispettare ai propri figli il regolamento di Istituto

STUDENTI

 Gli studenti hanno il diritto di:

  • essere istruiti ed educati
  • essere rispettati e valorizzati nei propri talenti
  • una programmazione adeguata alle proprie esigenze e capacità
  • frequentare una Scuola accogliente e pulita

Gli studenti hanno il dovere  di:

  • essere puntualità all’ inizio delle  lezioni
  • recarsi a scuola ordinati e puliti indossando la divisa (dove richiesta)
  • tenere pulito e ordinato il proprio zaino e il proprio posto
  • comportarsi con rispetto con gli insegnanti, i compagni e tutto il personale scolastico
    • prestare attenzione alle lezioni e portare puntualmente a termine le consegne
  • eseguire i compiti assegnati per casa
  • chiedere autorizzazione al docente per eventuali esigenze
  • non portare a scuola il telefono cellulare

II coinvolgimento attivo di tutte le componenti della comunità scolastica è una condizione necessaria e irrinunciabile per il buon andamento di tutte le attività scolastiche e per il successo formativo degli alunni.

Con questo “Patto”, le famiglie si assumono l’impegno di rispondere direttamente dell’operato dei propri figli, nell’ambito di una definizione più dettagliata e condivisa dei diritti e dei doveri verso la Scuola.

Patto-educativo-di-corresponsabilità